Seleziona una pagina

Il vino fa parte della nostra tradizione, ma quanto ne sappiamo davvero delle peculiarità delle uve del nostro territorio?

Con l’ampliamento della nostra linea di vini, grazie a una proficua collaborazione con la cantina Ca’Stelle di Castelvenere, siamo andati alla scoperta di cosa c’è dentro le bottiglie che trovate nei nostri store e nei nostri nodi.
Pensavamo di partecipare a una giornata di formazione sui vini, ovvero un approfondimento sulle caratteristiche organolettiche e sugli abbinamenti, e invece abbiamo scoperto l’essenza stessa del vino.
Un gioco fatto di domande e risposte per districarsi in una materia tanto complicata quanto affascinante.
Il signor Mariano, proprietario della cantina di Ca’Stelle, persona appassionata e intelligente, è andato ben oltre la semplice degustazione, ci ha guidati in un viaggio alla scoperta dei metodi di vinificazione, di rifermentazione, dell’importanza del terreno, del luogo, di cosa voglia dire assaporare il vino.
Siamo arrivati a un’esperienza proustiana, a ciò che il vino riesce a rievocare nella nostra memoria, i profumi della campagna, delle spezie, della vendemmia, della frutta, più acida o più matura.
Abbiamo capito che c’è molto di più dietro un bianco, un rosso o un rosato, c’è la riscoperta del vitigno camaiola (detto anche barbera del Sannio), che dà vita al Crespo e al Majolè, c’è il tempo che conferisce al vino un sapore del tutto diverso a seconda del momento di raccolta dell’uva, delle annate, dell’invecchiamento, dell’apertura di una bottiglia.
Grazie al signor Mariano da oggi in poi non sapremo solo raccontarvi i nostri vini, ma speriamo di riuscire a trasmettervi tutto l’amore per la nostra terra e la passione di chi la lavora.