Seleziona una pagina

Dal 25 al 27 gennaio si terrà a Lisbona la seconda edizione di “Alliance Migrations”, dopo la prima tenuta a Parigi nel 2019, incontro con tutte le esperienze a livello mondiale che coinvolge una pluralità di attori (autorità locali, organizzazioni della società civile, ricercatori) per lavorare insieme e attuare un’agenda comune 2023-2024 per elaborare un’altra governance delle migrazioni.

L’evento è organizzato da dalle reti francesi OCU-Organisation pour une Citoyenneté Universelle e Anvita – Association nationale des villes et territoires accueillants

Già presente alla prima edizione, il nostro Presidente Angelo Moretti è stato invitato nuovamente alla conferenza in qualità di referente nazionale della Rete dei Piccoli Comuni del Welcome per presentare l’esperienza di accoglienza nei piccoli comuni, in primis il modello SAI, il Sistema di Accoglienza e Integrazione, eccellenza del nostro sistema di welfare italiano, promosso da ANCI, e in particolare la realizzazione della rigenerazione e dell’integrazione nelle aree rurali, attraverso sistemi di accoglienza innovativi del welfare come le forme della Cooperazione di Comunità, esperienza seguita in questi anni da Sale della Terra e dalla Rete PCW con il sostegno di Fondazione CON IL SUD per integrare autoctoni e migranti nelle zone a rischio spopolamento e di decremento demografico.

Saranno presenti anche Gabriella Debora Giorgione, direttrice comunicazione della Rete dei Piccoli Comuni del Welcome, e Marcello Stanco, docente Università degli Studi del Sannio, ente che ha fornito il contributo scientifico per la formazione delle Cooperative di comunità nate nei piccoli comuni del welcome.

Un’occasione importante per fare rete e scambiare buone prassi, e finalmente l’opportunità di incontrare di persona la rete Welcoming America, con la quale siamo in stretto contatto, rete che lotta per l’integrazione dei migranti e per l’accoglienza universale, nata durante la presidenza Trump, all’epoca della costruzione del muro al confine con il Messico per impedire l’ingresso ai migranti.
Il programma della due giorni è fitto di eventi, con tavole rotonde e workshop sui temi dell’accoglienza e condivisione delle buone pratiche nei propri territori con la creazione finale di un piano di azione congiunto.