Seleziona una pagina

Si è concluso il 30 novembre il progetto “Buono e giusto. Agricoltura e logistica per l’inclusione sociale 2023″, realizzato dalla Cooperativa Sociale “Il Melograno” e finanziato dal Dipartimento per la Giustizia Minorile e di Comunità – Ufficio Distrettuale di Esecuzione Penale Esterna di Salerno e promosso dall’Ufficio Esecuzione Penale Esterna di Benevento, ente partner pluriennale della rete #SaledellaTerra.

8 i beneficiari in misura alternativa alla detenzione, che hanno svolto un tirocinio formativo della durata di 6 mesi – preceduto da alcuni colloqui individuali conoscitivi, per le nuove prese in carico, o di approfondimento delle dinamiche motivazionali, per le prese in carico già avviate – presso diverse sedi della nostra #Rete, a seconda delle competenze e inclinazioni di ognuno: dalla Fattoria sociale Villa Mancini di Ponte al Borgo Sociale Roccabascerana all’Ecoparco “A’Revota” gestito dalla Cooperativa di Comunità ILEX, dalle aree verdi della Cittadella del Welcome all’ Albergo Diffuso Campolattaro fino ad arrivare al Caffè dell’Orto – Fattoria Sociale Orto di Casa Betania.

Ognuno di questi nodi, con la propria équipe di operatori ed utenza afferente, ha contribuito a favorire la “giusta” reintegrazione socio-lavorativa di soggetti coinvolti in “buoni” percorsi penali. È proprio al #Caffedellorto che Massimiliano ha svolto il suo brillante percorso, diventando in pochissimo tempo un punto di riferimento per la struttura, dove cucina magistralmente i prodotti che raccoglie direttamente dall’orto; la sua umiltà e la voglia di rimettersi in gioco hanno fatto la differenza, consentendogli di stringere un ottimo rapporto con gli altri collaboratori e con la clientela del Caffè dell’Orto.

Come evidenziato dalla d.ssa Adele Caporaso, responsabile del progetto, tutti i percorsi sono stati meritevoli di riconoscimento e visibilità, a maggior ragione per il fatto che non si sono svolti in luoghi distanti ed emarginati dalla comunità, bensì sono stati parte integrante e generante di quei processi di economia civile capaci di produrre valore per l’intero territorio.

La sorprendente volontà emersa di impegnarsi in qualcosa di formativo e produttivo per la comunità ha consentito alla metà dei partecipanti di beneficiare di un prosieguo lavorativo all’interno dei servizi della nostra Rete, che in maniera partecipata investe e crede ogni giorno in quel processo interiore di riscatto sociale intrapreso.

Ringraziamo Massimiliano per aver aperto le pagine del libro della sua vita, che abbiamo sfogliato con curiosità e attenzione e da cui abbiamo tratto una grande lezione.

Video di Gianpaolo De Siena