Seleziona una pagina

📹🎬 Il documentario girato presso le strutture ed i territori che hanno consentito a @Lentamente di ricevere ieri l’International Land Coalition Award durante la terza edizione del Global Land Forum nella città di Amman, in Giordania 🇯🇴

I 300 membri dell’International Land Coalition, un’alleanza globale tra la società civile e le organizzazioni degli agricoltori, le agenzie delle Nazioni Unite, le ONG e gli istituti di ricerca, hanno selezionato 6 Best Practices da tutto il mondo portandole come finaliste alla terza edizione del Global Land Forum

Lentamente è stata votata come la migliore delle 6 Best Practices ricevendo come premiazione la proiezione del seguente documentario, in cui Donato De Marco, Presidente della Cooperativa Lentamente e Direttore del comparto di Agricoltura Coesiva di Sale della Terra, racconta di “Orti Urbani”, progetto svolto a Benevento, nell’ambito del quale dal 2017 sono stati messi a disposizione 30 orti, a titolo gratuito, ad un gruppo di cittadini eterogeneo: pensionati, famiglie con bambini, migranti accolti nei progetti di accoglienza, giovani del luogo, associazioni di persone con disabilità.

Un’opera di integrazione sociale nel quale persone che vengono da mondi ed esperienze diversi si incontrano, discutono di coltivazioni tipiche, metodi colturali, sovranità alimentare e curano con passione il proprio “orto urbano”.
Nel documentario c’è anche la testimonianza di Gedi, giunto in Italia in seguito a reati commessi in Somalia legati alla pirateria ed oggi perfettamente integrato nel tessuto sociale di Benevento.

“La prima storia di un pirata diventato agricoltore” ha affermato De Marco, con una frase sicuramente atipica ma che ben sintetizza la storia di buona integrazione di cui Gedi è protagonista.

“Ho cominciato a lavorare al Consorzio Sale della Terra nei campi e la sera tornavo in carcere. Poi ho finito di scontare la mia pena al Caffè dell’orto di Casa Betania, lavorando sia al bar che alla serra che fornisce le produzioni di cui l’attività ha bisogno. Ora qui mi sento parte di una famiglia e considero l’intera città di Benevento come la mia casa.”

L’agricoltura come luogo di inclusione sociale e di integrazione, in quei posti che da terre di emigrazione, con l’arrivo di immigrati e la ‘restanza’ dei residenti che decidono di non partire, riscoprono il proprio valore e le proprie potenzialità: è questo il senso dell’intero comparto di Agricoltura Coesiva “Sale della Terra”

Tra i luoghi presenti nel documentario, oltre al Caffè dell’Orto, gli Orti Urbani ed il Laboratorio di Lentamente ci sono anche Alimenta Benevento il luogo simbolo del Welcome Social Food, Gioosto il magazzino dello shopping sostenibile dove trovare i prodotti della nostra Agricoltura Coesiva

La Cooperativa Lentamente e l’intera Rete “Sale della Terra” sono da ieri un esempio da portare avanti non solo per Benevento e l’Italia ma anche per la comunità internazionale: valorizzando e rispettando le biodiversità e riscoprendo le produzioni tipiche del territorio, con un’agricoltura capace di produrre ad un prezzo equo e che dia dignità a persone e territori, generando coesione sociale e restituendo un motivo per porre nuove radici nelle nostre terre.