Seleziona una pagina

La presentazione di #WelfareMeridiano presso la nostra sede, alla presenza di molti dei collaboratori #SaledellaTerra della nostra sede nazionale di Via San Pasquale!
È stato un incontro interessante e molto sentito, proprio perché nel testo del Presidente Angelo Moretti si racconta la genesi della nostra rete e ogni capitolo racconta una diversa area di azione, partita anni addietro e che siamo riusciti a portare avanti e a farla evolvere finora.

L’incontro si è aperto con la lettura di un passo che parla del pensiero di Franco Cassano, uno dei fondamenti teorici alla base del testo: “Affermare che il sud non sia intellegibile come un non-nord o un non-ancora nord ma come l’espressione autonoma di una visione diversa del mondo che ha una cittadinanza scientifica a sé nel mondo dei saperi sociali, significa dover rompere lo schema rettilineo che coniuga stancamente il “progresso” alle statistiche del reddito pro-capite, o, ancora peggio, alla misurazione del prodotto interno lordo una regione.
Una rivendicazione territoriale, un pensiero autonomo del sud del mondo rispetto al Nord, in questo caso coincide perfettamente con una rivendicazione di autonomia culturale, che però è tale solo se capace di smascherarsi dentro una ricerca dell’altro; un’identità del meridione che, se non fosse plurale e aperta, tradirebbe sé stessa e la sua divergenza. Il pensiero meridiano è un punto di vista dal confine ma non è di per sé un confine”.

 

Sale della Terra come dovrebbe crescere? si chiede il Presidente Moretti. “Non guardando ad esempio i paesi scandinavi, ammirevoli nella gestione delle risorse pubbliche, ma che si trovano in una situazione dove 5 milioni di persone vivono in una densità abitativa bassissima, ma piuttosto badando alla capacità del sud di creare saper creare legami di comunità.
Il sud non deve ambire a diventare nord ma deve valorizzare la ricchezza già presente del legame di comunità, ricchezza che probabilmente un domani sarà proprio la Svezia a trarne spunto.
Il fine della felicità non è per forza di cose un fine economico; le risorse economiche servono a superare gli ostacoli ma la felicità è un’altra cosa, è una conquista, è il desiderio di essere riconosciuti, di sentirsi amati, apprezzati, e non fa capo solo ai sistemi economici del mondo.

Foto di Gianpaolo De Siena

WELFARE MERIDIANO si trova in tutte le librerie e nello store online di Rubbettino Editore ⬇️
https://www.store.rubbettinoeditore.it/…/welfare…/