Seleziona una pagina

sale della terra

Rete di economia civile

NEWS

IN CALENDARIO

L
M
M
G
V
S
D
26
27
28
29
30
31
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
1
2
3
4
5
Events for 1 Agosto
Nessun evento
Events for 2 Agosto
Nessun evento
Events for 3 Agosto
Events for 4 Agosto
Nessun evento
Events for 5 Agosto
Nessun evento
Events for 6 Agosto
Nessun evento
Events for 7 Agosto
Nessun evento
Events for 8 Agosto
Nessun evento
Events for 9 Agosto
Nessun evento
Events for 10 Agosto
Nessun evento
Events for 11 Agosto
Nessun evento
Events for 12 Agosto
Nessun evento
Events for 13 Agosto
Nessun evento
Events for 14 Agosto
Nessun evento
Events for 15 Agosto
Nessun evento
Events for 16 Agosto
Nessun evento
Events for 17 Agosto
Nessun evento
Events for 18 Agosto
Nessun evento
Events for 19 Agosto
Nessun evento
Events for 20 Agosto
Nessun evento
Events for 21 Agosto
Nessun evento
Events for 22 Agosto
Nessun evento
Events for 23 Agosto
Nessun evento
Events for 24 Agosto
Nessun evento
Events for 25 Agosto
Nessun evento
Events for 26 Agosto
Nessun evento
Events for 27 Agosto
Nessun evento
Events for 28 Agosto
Nessun evento
Events for 29 Agosto
Nessun evento
Events for 30 Agosto
Nessun evento
Events for 31 Agosto
Nessun evento

LE NOSTRE

RETI

I siti web di approfondimento delle azioni e dei progetti del Sale della Terra

SOCIAL WALL

“Sale della Terra” al Festival dell'Impegno Civile Donato De Marco, Direttore del comparto Agricoltura coesiva della nostra Rete, interviene nella discussione su “Nuovi Orizzonti dell’Agricoltura Sociale in Campania” spiegando le politiche agricole e di sviluppo economico e territoriale di “Sale della Terra”, tra spopolamento, welfare di comunità ed innovazione.Appuntamento domani, 3 agosto 2021, ore 18.Il Festival è organizzato da Forum Regionale Agricoltura Sociale Campania, Nuova Cooperazione Organizzata, La Strada cooperativa sociale insieme al Comitato don Peppe Diana e Libera Coordinamento Provinciale di Caserta. ...
View on Facebook
𝗦𝗔𝗟𝗘 𝗗𝗘𝗟𝗟𝗔 𝗧𝗘𝗥𝗥𝗔 𝗦𝗜𝗔𝗠𝗢 𝗡𝗢𝗜 «La rinuncia»I due occhioni a mandorla di Mariagrazia D’Aniello, Responsabile della Fattoria Sociale “Villa Mancini” di Ponte, nodo welfare della Rete di Economia civile “Sale della Terra”, brillano vivaci nonostante il caldo impietoso.Ha appena finito di stirare le tutine per il suo bambino che deve nascere tra poco: «Era davvero molto desiderato. Dopo la nascita di Sofia abbiamo subito deciso di averne un altro, ma ci ha fatto aspettare cinque anni!», mi dice con un po’ di ansia. Tra Sofia e il piccolino che sta arrivando c’è stata l’interruzione di un’altra gravidanza e quando questa cosa capita una donna, dentro di sé, conserva il timore che qualcosa possa sempre andare storto, la volta successiva. La storia di Mariagrazia in “Sale della Terra”, inizia, come per molti, quando ancora il Consorzio non esisteva.Dopo il diploma superiore in Scienze Sociali, Mariagrazia si iscrive al Corso di Laurea in Scienze del Servizio Sociale a Campobasso: «Ho sempre avuto, dentro di me, il senso innato dell’accudire. In questo ho molto assorbito l’esempio di mia mamma che per lungo tempo, prima di lavorare, si prendeva cura della casa, di me e di papà». Mariagrazia è figlia unica, vive un’infanzia serena. Nella vita della famiglia D’Aniello arriva, però, un’importante novità: papà Gaetano decide di lasciare il suo impiego e di aprire, insieme a suo fratello Bruno, un bar. Che, di lì a poco, diventa “il” bar per antonomasia, a Benevento. L’attività fiorisce, i due fratelli ce la mettono tutta, ma c’è bisogno di aiuto. E così mamma Angela decide di lasciare la cura della casa e di aiutare l’attività del marito e del cognato. Nella vita di Mariagrazia per fortuna ci sono i nonni ed è con loro che lei vive mentre i genitori sono sempre più impegnati nel lavoro.«A diciotto anni – mi rivela Mariagrazia – papà e mamma mi hanno rivelato di avere deciso di separarsi. Non l’ho vissuta benissimo, ma ne ho capito le motivazioni. Forse il ritmo di lavoro così serrato che avevano avuto negli ultimi anni li aveva allontanati dall’affetto».Dopo il diploma Mariagrazia - che nel frattempo resta a vivere con suo papà mentre la mamma apre un ristorante a Pietrelcina – si iscrive all’Università e si trasferisce a Campobasso, ma ben presto è costretta a tornare a Benevento e allentare gli studi: ma non demorde e nel 2010 si laurea alla triennale.Nel frattempo, Mariagrazia vince una selezione per svolgere il volontariato in Servizio Civile nella Casa Famiglia Unitalsi di Chianche come “Servizio assistenza ai disabili” e in quell’anno conosce Angelo Moretti che in quel periodo su Chianche aveva appena vinto il progetto “Si può fare” di Fondazione “Con il Sud” e cercava un profilo di assistente sociale.Nel 2014 Mariagrazia viene assunta stabilmente a Chianche e ritrova in quel lavoro la forza di ripensare all’Università: nel 2015 si iscrive alla Laurea Magistrale in “Servizio sociale e Politiche sociali” che completa nel 2017.A Chianche dura poco, però, perché Moretti le chiede di impegnarsi in un progetto appena nato: la Fattoria Sociale Villa Mancini di Ponte, un altro progetto vinto grazie a un Bando di Fondazione “Con il Sud”.Mariagrazia trova anche il tempo, in questi due anni, di sposare il suo Alessandro e di avere Sofia, la loro prima bambina.«Sono una donna fortunata - mi dice – ho passato momenti che mi hanno messa a dura prova, ma ho sempre incontrato, sulla mia strada, persone meravigliose che mi hanno aiutata e spronata, che mi hanno dato la forza di continuare a sognare e a lottare per raggiungere i miei obiettivi, liberandomi dal senso di forte responsabilità che avevo maturato negli anni».Ma le prove non finiscono qui.Angelo Moretti propone a Mariagrazia di diventare la Responsabile di Villa Mancini perché Liliana Apollonio assume il ruolo di Direttrice del Comparto Artigianato. Contemporaneamente a Mariagrazia arriva una notizia: ha vinto una selezione ad un posto di assistente sociale al Comune di Montesarchio. Assunzione a tempo indeterminato incompatibile con il suo ruolo di assistente sociale al “Sale della Terra”.Una settimana per decidere che fare: prendere il “posto fisso e sicuro” in un Ente pubblico oppure restare in “Sale della Terra” dove Mariagrazia «Non ce l’ho fatta – racconta - sono stata in crisi per giorni: lasciare significava buttare al vento tutti i sacrifici fatti da quel primo anno a Chianche come operatrice. Significava abbandonare i legami e la fiducia che Angelo e tutto il Consorzio avevano in me». «Scegli quello che ti piace non quello che pensi sia più stabile», le dice il marito Alessandro. «Scegli in piena serenità e secondo la tua vocazione», le dice Angelo Moretti.Il giorno stabilito per l’assunzione in servizio, Mariagrazia va al Comune e sceglie: consegna la rinuncia al posto di lavoro.«I legami di “Sale della Terra” non li trovi da nessuna parte, io sono convinta di lavorare con gente perbene, siamo “brava gente”. Non mi andava proprio di diventare un numero su un cartellino, ma soprattutto avevo paura di perdere tutto quello che avevo costruito. Sono andata, ho firmato la rinuncia e mi sono sentita libera. Eppoi: io sono un piccolo chicco di sale, qui. Piccolo, ma importante».𝙜𝙖𝙗𝙧𝙞𝙚𝙡𝙡𝙖 𝙙𝙚𝙗𝙤𝙧𝙖 𝙜𝙞𝙤𝙧𝙜𝙞𝙤𝙣𝙚---GDG, Gianpaolo De Siena, Antonio Servodio, Margherita Abbatiello, Danilo Travaglione, Francesco Boffa, Chiara Bollo, Antonio Liberti: il gruppo dell'Area comunicazione Sale della Terra 😎--- Per leggere tutto ⤵️consorziosaledellaterra.it/la-rinuncia-saledellaterra-siamo-noi/ ...
View on Facebook
Siamo nella pagina Economia di Avvenire.Il nostro modo di creare economia, partendo da un sistema di welfare della persona e di comunità che noi chiamiamo "welcome", ha portato il Consorzio "Sale della Terra" ad essere una Rete nazionale di Economia civile.Siamo trecento dipendenti e in 5 regioni, abbiamo una rete di fattorie sociali e di progetti SAI; un bistrot; una pasticceria; 3 store (Benevento, Torino e Napoli); coltiviamo una agricoltura coesiva in terre abbandonate; il nostro artigianato inclusivo si distingue in particolare per la linea tessile diventata ormai un trend nazionale.La nostra Rete di Piccoli Comuni Welcome conta 40 aderenti in tutta Italia, abbiamo progetti nazionali sulle povertà educative, sulla lotta al caporalato, sul reinserimento lavorativo di persone uscite dalla detenzione. I nostri utili li rinvestiamo nelle opere sociali del Consorzio e servono a sostenere il welfare generativo e a pagare pagare gli stipendi di tutti i lavoratori e le lavoratrici.Siamo Sale della Terra: il nostro prodotto è la coesione sociale, la nostra economia una scelta politica.---#saledellaterra #piccolicomuni #welcome #nuovaeconomia #votocolportafoglio--- ...
View on Facebook
🟢 "I Sistemi Alimentari nelle Aree Interne" 📲 Incontro online aperto a tutti, vi aspettiamo dalle ore 10.00 🌱 Donato De Marco, Direttore Agricoltura Coesiva "Sale della Terra", parteciperà al tavolo di discussione "Nuovi abitanti e lavoro agricolo"ℹ️ Per saperne di più consorziosaledellaterra.it/sistemi-alimentari-aree-interne/?fbclid=IwAR2H6bNsAPBiSi1517y9nHY8IynQ...summitdialogues.org/dialogue/13965/ ...
View on Facebook

A Petruro non c'è il mare.
Ma c'è il #welcome

#1Agosto #piccolicomuni @rete_sai @Robertamorett20 @espressonline @ilvenerdi @ConilSud

Quella luce accesa nel buio del boschetto: il “Team Rogoredo” http://www.vita.it/it/article/2021/07/08/quella-luce-accesa-nel-buio-del-boschetto-il-team-rogoredo/159954/ via @VITAnonprofit

Siamo così welcome che i piccoli comuni di mare ospitano i piccoli comuni di collina.
#beachbags A little town of welcome, fatte "a mano libera" dal bisogno.
#piccolicomuni #welcome #SaledellaTerra

@ChiaraFerragni

La cooperazione di comunità si basa sull'appartenenza, sviluppa business innovativi, valorizza risorse locali. Lo abbiamo ribadito durante convegno 'Dal territorio al futuro' promosso da @LegacoopN che si è svolto a Davoli (CZ)
Il racconto della giornata▶️ https://bit.ly/3xq3K2i

Load More...
CONTATTACI